La Nostra Storia

La storia di FARTO (Laboratorio Farmaco Chimico Toscano) inizia nel 1935 in un piccolo laboratorio artigianale situato a Firenze in Via Dei Della Robbia, dove Marino Pianigiani, perito chimico farmaceutico, animato da spiccato intuito e lungimiranza, avvia lo sviluppo e la produzione di alcuni medicinali. Sono gli anni in cui si assiste al passaggio dalla “scienza medica” costituita dalla presenza del “medico-clinico” che fa diagnosi e prescrive rimedi e dal farmacista preparatore, alla scoperta e commercializzazione dei primi farmaci di origine estrattiva biologica e naturale, con l’intento di introdurre il concetto di farmaco come bene di consumo allargato a fasce di utenza più vaste, del farmacista distributore e non più solo preparatore, e dell’ industria farmaceutica, che negli anni a seguire, svilupperà la figura e la centralità del ruolo della medicina pratica.
In questo contesto FARTO muove i primi passi, organizzando una struttura produttiva e commerciale, di dieci addetti, idonea a servire il territorio cittadino e provinciale.

Gli anni della seconda guerra mondiale, frenano l’ascesa di FARTO, che riprende il pieno sviluppo alla sua conclusione. L’azienda, in questi anni aumenta la sua capacita produttiva, in alcuni ambiti terapeutici, in funzione della cura di malattie meglio conosciute e studiate, nel periodo post-bellico,e si apre alla ribalta nazionale, con la distribuzione e presenza dei suoi marchi nelle farmacie italiane.

FARTO, intorno agli anni 60 viene incorporata da AMELIX, industria farmaceutica con oltre 200 dipendenti, il cui titolare fu il padre di Matteo Cioni.

Questi brevi cenni di storia, sono utili per capire come l’industria farmaceutica italiana attuale, nonostante la variegata presenza delle multinazionali che hanno esercitato una parte determinante nella crescita della sensibilità all’ utilizzo delle terapie mediche e che hanno espanso il mercato farmaceutico, è figlia delle capacita imprenditoriali di chi ha creduto pionieristicamente nell’ idea, poi realizzata, di creare impresa farmaceutica.

Sono trascorsi molti anni, e molto è cambiato nel panorama farmaceutico italiano. Nell’ intento di ripercorrere la tradizione familiare ed i valori costitutivi che avevano contrassegnato l’epoca di FARTO, Matteo Cioni, che da più di venti anni opera nel mondo farmaceutico, e che da bambino aveva mosso i primi passi all’ interno dell’ officina di produzione del padre, ripropone con orgoglio, capacità e passione, il marchio “FARTO”, quale unica ragione sociale, nella quale confluiscono le linee di commercializzazione che compongono l’essenza e la struttura della compagnia farmaceutica.

Listino 1951 - nuovo taglio

FARTO, oggi vanta una rete commerciale strutturata presente su tutto il territorio nazionale, capace di offrire una linea di preparati di alta qualità con proprio brand, in svariate aree terapeutiche.

La produzione dei nostri equivalenti è affidata alle migliori officine di produzione farmaceutica, che ne garantiscono e certificano l’eccellenza produttiva, il controllo regolare ed analitico di tutte le fasi, nel rispetto delle procedure e delle normative imposte dagli organismi di vigilanza nazionali e internazionali.

Si può affermare, che il farmaco finito, FARTO, pronto per essere commercializzato, ha superato una serie di validazione tecniche e normative, che lo rendono idoneo per l’uso a cui sarà preposto, con la più ampia garanzia di sicurezza ed affidabilità per il medico e per il paziente.

FARTO è in fase di potenziamento della rete d informazione medica, perché crede nella necessita di dover informare e promuovere presso la classe medica, la conoscenza di preparati efficaci, sicuri, autentici.

FARTO è presente per i suoi preparati in aree terapeutiche strategiche, che coinvolgono per le problematiche da trattare, larghissime fasce di popolazione.

FARTO da più di 80 anni è,  e vuole essere protagonista nel migliorare lo stato di salute dell’intera umanità garantendo prodotti di eccellenza contenendone i costi, attraverso la creazione di una partnership con la classe medica, avendo come obiettivo principale la tutela della salute del paziente, quale diritto assoluto dello stesso.